venerdì 1 settembre 2017

Recensione "Fangirl" di Rainbow Rowell

Buongiorno e ben ritrovati, come avete trascorso la vostra estate - non ancora finita - e le vostre vacanze? Io sono stata al mare, ho leggermente abbandonato il mio pallore elitario e sono tornata a studiare per gli imminenti esami universitari. È stato proprio durante le vacanze che ho concluso una vecchia lettura: Fangirl.


Titolo: Fangirl;
Autore: Rainbow Rowell;
Editore: Piemme;
Prezzo: 11,90 € (brossura), 6,99 € (e-book);
Pagine: 512;
Genere: Young Adult.
___________________

TRAMA

Approdata all'università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fanfiction di cui migliaia di sostenitori attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con il suo ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio, e un affascinante aspirante scrittore che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita….



Ed eccoci qui, dopo mesi, con una nuova recensione; quella di un libro che da tempo avevo adocchiato e che solo durante una buona settimana di relax al mare sono riuscita a concludere. 
Fangirl parla di Cath, Cather, che inizia il college e che, in maniera del tutto inaspettata, si ritrova a farlo priva dell'aiuto e del supporto della gemella Wren, la quale vuole vivere a pieno e in assoluta ndipendenza dalla sorella l'esperienza studentesca per eccellenza. È proprio qui che emergono le differenze tra le due gemelle e che delineano la nostra protagonista: Wren è simpatica, socievole, aperta al cambiamento; Cath è asociale, timida, introversa. 
La cosa che da sempre le ha accomunate è la passione per Simon Snow, personaggio di fantasia (palesemente ispirato a Harry Potter) che le ha accompagnate durante tutta l'adolescenza e che consacra Cath come una tra le autrici più seguite nel panorama del fandom, con la sua monumentale fanfiction Carry On, Simon. Con l'inizio del college però Wren sembra cambiare e Cath si ritrova sola, con una nova coinquilina con cui non vuole fare amicizia, l'invadente amico di questa che vive più in camera loro che nel proprio appartamento e un corso di scrittura creativa che la mette di fronte alla realtà per quanto riguarda la propria scrittura. 
Cath inizia un percorso di crescita e spesso non si dimostra coraggiosa e aperta, ma insicura e fragile, tendente alla fuga, pronta a nascondersi dietro la propria fanfiction, il mondo interattivo, la gente che la ama ma non la conosce. Fatica a farsi conoscere realmente dalla gente che la circonda, finché qualcosa non succede e allora scopre che lasciarsi andare è più naturale del previsto, anche se fa paura. 
È una lettura carinissima, che per una fangirl come me mostra uno spaccato parecchio reale della vita, che mostra e dà dignità al mondo delle fanfiction, spesso bistrattato da chi le snobba come se quello che facciamo fosse plagio. 
No, non lo è, è amore, passione, è una palestra per chi come spera, un giorno, forse, di farci di più con la propria scrittura. 
Con questo è tutto, a domani.

Vostra Cinzia.

Nessun commento:

Posta un commento